Salite dell'Ossola - Alpe Soi

Dati generali

Difficoltà: impegnativa 
Lunghezza: 5.6 km 
Pendenza media: 8.4% 
Pendenza massima: 18% 
Dislivello: 468 m 
AR da Domodossola : 59 km 
Rapporto consigliato: 34/26


Punto convalida

Alpe Soi 
Ristoro “Alpe Soi” 
Telefono: 0324 89678 - 333 6376250
Chiuso Martedì • Orario: 8,30 - 20,00

 

alpe soi

Altimetria

 

GPS Scarica tracciato GPS PDF Scarica scheda PDF

 

Breve presentazione

La salita ufficiale prende avvio dalla località di Pontegrande nel comune di Bannio Anzino, dal ponte sull’Anza. Per giungere sin qui la strada è la stessa per Macugnaga. Una volta passato il ponte la salita sembra già impegnativa, ma è solo un’impressione. Dopo 600 m, al primo tornante, c’è il bivio per Anzino (una visita è d’obbligo al ritorno per ammirare la chiesa parrocchiale di San Bartolomeo – edificata nel XII secolo, mentre il campanile, alto ben 55 m, è del XVI secolo –, oggi considerata monumento nazionale) che si lascia sulla propria sx. Svoltando a dx la strada prosegue con continue curve e pendenze quasi costantemente superiori al 10%; la salità è così impegnativa da non riuscire neppure a volgere uno sguardo alla bella cappella votiva che si trova in questo tratto; così sino al paese di Bannio. L’entrata in paese è decisamente più agevole e consente di dare una sbirciatina attorno e rivolgere un saluto agli ospiti della locale casa di riposo che sono soliti stare sulle panchine a godere i primi e più confortevole raggi di sole della giornata. Una serie di curve quasi pianeggianti portano fuori dal centro del paese. È il classico zuccherino prima d’ingoiare la pillola amara; qui infatti le pendenze si fanno impressionanti, con strappi attorno al 18%. Con l’acido lattico alle stelle si arriva nella frazione di Porcineto, dove bisogna voltare a dx. È il momento in cui si può tirare un po’ il fiato. In località Fontane c’è un altro tratto pianeggiante con un bellissimo lavatoio sulla sx. Altri 800 m di falsopiano con delle continue balze (coraggio, il peggio è passato!) portano all’Alpe La Piana. Dopo mezzo km c’è l’ultima rampa impegnativa; quindi un tratto pianeggiante con leggera discesa, fino alla bellissima chiesetta con tetto in piode che ci annuncia l’arrivo. Non resta che recarci a timbrare e gustare le specialità della zona proposte dalla signora Rosy. La discesa risulta alquanto pericolosa fino a Bannio; prestare la massima attenzione!

Per gli amanti dell'escursionismo ricordiamo che dall'Alpe Soi si arriva al Passo Baranca, dove vi sono ancora i resti di un'antica dimora in stile liberty appartenuta alla famiglia Lancia.

 

 

La mappa

I nostri sponsor

Copyright © 2017 | .::. Le salite del VCO .::. Tutti i diritti riservati
Credits: Editmedia srl editoria e comunicazione - Via De Angeli 73, 28887 Omegna (VB), tel. 0323 887111, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Proprietà: Ver-Bike - Le Salite del VCO - C.so Europa 64/F, 28922 Verbania (VB) - P.IVA 01810030039